Ogni tecnologia di Stampa 3D Professionale presenta caratteristiche idonee a determinate applicazioni. Un service professionale non può essere un tifoso: è necessario utilizzi ogni giorno le diverse tecnologie in modo da conoscerne i punti di forza e di debolezza per offrire al progettista lo strumento più adatto.

infografica-tecnologie-stampa-3d.png

Sinterizzazione Laser dei Metalli - DMLS / SLM

La tecnologia di stampa 3D professionale Sinterizzazione Metalli – DMLS / SLM – permette una stampa 3D in metallo direttamente nel materiale definitivo.

Un oggetto metallico stampato in 3D ha qualità e proprietà meccaniche identiche allo stesso pezzo ottenuto tramite tecnologie tradizionali come il CNC o i classici processi fusori.

I pezzi ottenuti posso essere oggetto di post-lavorazioni meccaniche, trattamenti termici o trattamenti superficiali.

Sinterizzazione Laser Selettiva – SLS

La tecnologia di stampa 3D professionale Sinterizzazione Laser Selettiva - SLS – permette una stampa 3D in materiali plastici ad alto livello di finitura e prestazione.

Le stampanti 3D per la sinterizzazione laser selettiva si avvalgono di un laser ad alta potenza per fondere, strato su strato, le polveri termoplastiche presenti all’interno di un apposito letto.

I pezzi ottenuti sono di altissimo livello sia per quanto riguarda le proprietà meccaniche sia per quanto riguarda il livello di finitura, già all’uscita di macchina, sull’elemento grezzo.

FDM

La tecnologia di stampa 3D professionale FDM permette una stampa 3D in materiali plastici simili o del tutto identici a quelli impiegati nei processi produttivi tradizionali.

Le stampanti FDM lavorano deponendo il materiale, strato su strato, su una piattaforma mobile, molto spesso riscaldata, utilizzando una testina mobile portata ad alta temperatura.

I pezzi ottenuti possono essere oggetto di finitura estetica, come lisciatura o verniciatura, oppure possono essere oggetti di trattamenti funzionali come la cromatura o la nichelatura per ottenere prestazioni particolari aggiuntive.

HP MULTI JET FUSION

La tecnologia di stampa 3D professionale HP Multi Jet Fusion ha introdotto elementi di forte innovazione nel panorama delle tecnologie di stampa 3D.

Le stampanti prodotte da HP depositano il materiale in modo molto simile a quanto avviene con le stampanti tipografiche a getto d’inchiostro. In rapida successione viene spruzzato un reagente che permette la solidificazione del singolo strato, il tutto mantenuto ad una temperatura elevata, prossima a quella di fusione del materiale.

HP MULTI JET FUSION permette stampe 3D molto rapide di oggetti in serie.

Materiali

PA12

POLYJET

La tecnologia di stampa 3D professionale PolyJET permette una stampa 3D con resine e gomme di differenti caratteristiche e durezza.

Le stampanti PolyJET depositano su di una base microgocce di resine fotosensibili e, quasi contemporaneamente, un fascio di raggi UV provvede all’indurimento.

PolyJET introduce la possibilità del co-stampaggio e, grazie a particolari materiali, anche l’opportunità di ottenere oggetti stampati in 3D completamente trasparenti.
Un’ altra caratteristica, molto apprezzata in ambito medicale, è il possibile impiego di materiali sterilizzabili e bio-compatibili.

Stereolitografia – SLA

La tecnologia di stampa 3D professionale Stereolitografia – SLA – è stata la prima tecnica di stampa 3D messa a punto in prodotti commerciali.

Le stampanti che impiegano questa tecnologia utilizzano un laser per polimerizzare il materiale liquido contenuto in una vasca.

I pezzi ottenuti possono vantare sia un’ottima qualità superficiale che buone caratteristiche dimensionali. Tecnologia, quindi, perfetta per l’impiego in particolari per cui è necessario un ottimo livello di dettaglio.